Ricerca globale

Imposta posizione attuale
Unirsi
Esci
While we do our best to ensure the accuracy of our listings, some venues may be currently temporarily closed without notice. Please confirm status on the venue website before making any plans.

Attrazioni che dovete visitare in Milano

, 7 Opzioni disponibili

Vennero banditi tre concorsi a Milano tra il 1860 e il 1863 per la sistemazione della piazza davanti al Duomo e il progetto vincitore fu quello di Giuseppe Mengoni. Nel 1864 fu inaugurata - e a lui intitolata - dal re di casa Savoia Vittorio Emanuele II, ma non completata. Infatti il progettista morì dieci anni dopo cadendo da un impalcatura. Alla sua morte era mancante l'edificio di fronte al Duomo che non venne mai realizzato. La Galleria, tipica tipologia ottocentesca di uso pubblico, La cupola dell'ottagono, alta 47 metri, è sorretta da aquile di stucco di grosse dimensioni con una copertura in ferro e vetro rigato. Da osservare i telamoni e le cariatidi sulle facciate interne, gli stucchi e i graffiti neorinascimentali. Il pavimento dell'ottagono venne completamente restaurato nel 1966 in tarsie di marmi rari con gli stemmi delle città italiane. Al suo interno si trovano il bar Zucca, ex storico Camparino, in stile liberty, che si affaccia su piazza del Duomo, tappa d'obbligo per l'aperitivo, oltre all'elegante ristorante Savini. Viene chiamata "il salotto di Milano". Possiamo considerarla il primo centro commerciale della storia: contiene negozi, librerie importanti, bar alla moda. Un tempo, alla sera veniva illuminata da seicento fiammelle a gas accese per mezzo del ratin che significa topolino, ovvero un piccolo attrezzo a vapore con due stoppini infuocati che agganciato a due binari aerei percorreva la galleria e accendeva le fiammelle. Oggi la galleria è sede di manifestazioni culturali, commerciali e sfilate di moda.

Dalla terrazza più alta del giardino, quella in cui sorge il teatro, si gode uno splendido panorama sul lago.

Lungo la costa orientale del lago, subito dopo Lecco, si incontrano Abbadia Lariana e Mandello sorti sulla piana alluvionale del torrente Zerbo.

Abbadia deve il suo nome ad una abbazia benedettina della quale restano, completamente rimaneggiate, la chiesa di S. Lorenzo, ora parrocchiale e il Conventino, trasformato in residenza.

Abbadia si salda ormai all'altro centro contiguo, Mandello del Lario, oltre che località di villeggiatura anche importante centro industriale, soprattutto nel settore meccanico, dove la produzione della Moto Guzzi diede notevole impulso e fama alla zona.

Da segnalare l'oratorio di S.Giorgio, del trecento, a navata unica con copertura a capriate e affreschi del quattrocento. La leggenda narra che la chiesa fosse stata fondata ad opera di un crociato al ritorno dalla Terra Santa o da un monaco templare che in quel luogo si era rifugiato.

La chiesa di S. Lorenzo, di antichissima origine e ristrutturata nel seicento, conserva al proprio interno affreschi e stucchi settecenteschi oltre a pregevoli tele.

Troviamo esempi di decorativismo liberty in alcune belle ville della zona (Villa Falck, Villa Carcano e Villa Fasoli).

7 0 5 attrazioni-che-dovete-visitare_TA6 1
Migliore